A partire dal 1 novembre 2016, secondo le direttive del club di razza tedesco ADRK è possibile ammettere in allevamento esclusivamente riproduttori testati per la JLPP. Col termine JLPP (Juvenile Laryngeal Paralysis & Polyneuropathy) si intende la  Paralisi Laringea Giovanile e Polineuropatie, una malattia ad esito fatale causata da una mutazione genetica a carattere recessivo.
Sintomi di tale problematica sono: problemi di respirazione, difficoltà e soffocamento durante i pasti o l'ingestione di acqua,  perdita di coordinazione degli arti anteriori e posteriori, incapacità al movimento, anomalie oculari come la cataratta, degenerazione cerebrale (POANV).
Essendo appunto la JLPP una malattia a carattere recessivo è necessario che la mutazione sia presente in entrambi i genitori affinchè il cucciolo la erediti. Non esiste cura a questa malattia, ecco perchè è davvero fondamentale per il futuro della razza ed il benessere di ogni nuovo nato che vengano identificati i portatori attraverso questo test del DNA e che questi dati siano resi pubblici.

Grazie ad una ricerca condotta nel Missouri è stato possibile identificarne la presenza nelle razze Rottweiler e Terrier Nero Russo e oggi, tramite un semplice test del DNA disponibile, siamo in grado di determinare se un cane ne è portatore o affetto. Il test consiste nel prelievo di un campione di sangue o di mucosa orale il quale sarà poi analizzato da laboratori preposti e riconosciuti. A valutazione ultimata il laboratorio  ufficializzerà il risultato tramite l'invio di una certificazione cartacea al proprietario del cane.

Al momento attuale in Italia non vige alcun obbligo a riguardo, spetta al codice etico del singolo allevatore testare ogni suo riproduttore. Diffidate di chiunque faccia accoppiare cani privi dei necessari test sanitari atti ad assicurare salute ai nuovi nati.
Tutti i cani sono potenziali portatori ma, fino a quando ogni riproduttore verrà testato e si avrà cura di accoppiare eventuali soggetti portatori esclusivamente con esemplari esenti, potremo proteggere la successiva generazione dalla sofferenza di una patologia che, se presente, la condannerebbe ad una morte precoce.

Alla luce di quanto illustrato sino ad ora teniamo a precisare che il nostro allevamento sta effettuando questo test genetico a tutti i riproduttori.